Pubblicato il 28/02/2023 / 344

1939 LANCIA APRILIA CONVERTIBILE PININ FARINA

MARCA

LANCIA

MODELLO

APRILIA CONVERTIBILE

ANNO

1939

TELAIO

39.3952

MOTORE

11804

CILINDRATA

1352cc

KM INDICATI

72000

INTERNO

ROSSO

ESTERNO

BICOLORE BLUE/ GRIGIO

CAPOTE

GRIGIA

ACCESSORI

STACCABATTERIA

POMPA BENZINA SECONDARIA ELETTRICA ALIMENTATA DA BATTERIA AUTONOMA A 12 VOLTS

NOTE

Questa rarissima Aprilia convertibile è stata recentemente importata dall’Irlanda immatricolata con targa ZV 11905 ed è appartenuta al Sig.Eric Byrne di Dublino(IR).

I precedenti proprietari furono:

·       Marc De Bruijn di Zandwoort con targa DZ 03-13(NL)

·       Lodewyk Duys di Ugerlose con targa KH 42361 (DK)

La vettura è in condizioni meccaniche eccellenti e sono disponibili le fatture dettagliate di tutti i lavori di meccanica eseguiti dal 2015 al 2022.

 

Durante la proprietà del Sig. De Bruijn la vettura è stata oggetto di un ampio articolo redazionale sulla rivista olandese CORSA ITALIA nella pubblicazione di Febbraio/marzo 2018.

In questo articolo il Sig.De Bruijn rilasciò una intervista sulle caratteristiche e sulla storia della vettura che è di seguito trascritta:

 

Aprilia decappottabile (AT)

L’Aprilia è stata l’ultima figlia del design di Vincenzo Lancia.

L’Aprilia Trasformabile è stata inserita per la prima volta nel catalogo Lancia come cabriolet basata sul modello Aprilia.

Quindi questo la rende una versione del modello di fabbrica.

L’Aprilia cabriolet aveva un diverso telaio Tipo 239

mentre la versione 4 porte aveva un telaio Tipo 238.

La Aprilia fu costruita anche alla Pinin Farina.

C’erano diverse foto di questo modello alla Pinin Farina senza paraurti e Stemma, ma era

identificata come Aprilia.

 In totale sono state costruite solo un paio di centinaia di Aprilia.

Questo articolo riguarda l’unica Lancia Aprilia Trasformabile nei Paesi Bassi.

L’AT è di proprietà di Marc de Bruijn che ha posseduto un totale di 60 vecchie auto di cui 5O erano Lancia.

Una Flavia Berlina del ’63 fu venduta da Marc nel ’76 ad un batterista della band Pink Floyd dal quale sentì la storia di una Lancia AT.

 

L’indagine di Marc sul luogo in cui si trovava questa auto lo ha portato in Danimarca e il proprietario era un belga residente in Danimarca.

Marc è stata l’undicesima persona a chiedere informazioni sull’auto, ma il proprietario non voleva venderla.

Il proprietario si è offerto di accompagnare Marc all’aeroporto e all’ultimo minuto ha detto: “OK, puoi comprarla”

 La AT è del 1939 (prima versione) e ha un motore V4 da 1352 cc.

 Il motore è molto compatto e Vincenzo Lancia ha collaborato alla sua messa a punto. E’ stato il primo motore Lancia ad avere un blocco in alluminio. Solo più tardi, negli anni ’60, vediamo comparire questo uso di materiali leggeri.

 L’AT era una vettura straordinaria e utilizzava tutte le tecniche di corsa, gli extra e lo stile di quel periodo.

Da quando l’AT è arrivata nei Paesi Bassi, Marc non ha cambiato le sue condizioni originali, ad eccezione delle luci di allarme e di un interruttore di alimentazione principale.

Questa AT non è mai stata completamente restaurata in tutti i suoi 80 anni.

 

Nel ’47 questa vettura fece capolino a Monaco di Baviera e fu acquistata da Sonja Noore che la spedì in Danimarca.

Nel 1949 L’AT è tornata in Italia, era grigio topo con sedili in pelle blu.

Nel 195O Crème con parfanghi neri.

Nel 1950 Niels Barlyng, l’allora proprietario, ha guidato l’auto in tutta Italia (un giro del mondo a quei tempi) e arrivato in fabbrica a Torino, lo sterzo non funzionava bene ed è stato felicemente riparato per lui dalla fabbrica.

 Successivamente Niels vendette l’auto a un mercante d’arte per tre dipinti di Egill Jacobsen dell’allora Cobra Group of Artists.

Successivamente, ha venduto i tre dipinti per 20000 corone danesi.

Purtroppo, l’auto è finita in seguito in un cortile di autodemolizioni.

In qualche modo l’auto è stata venduta a un’altra persona che l’ha ricevuta e l’ha regalata come regalo di nozze, il suo colore era marrone e beige.

 In seguito l’auto divenne rosso scuro con passaruota azzurri.

Più tardi negli anni ’90 la combinazione di colori è come la vediamo oggi.

Quale fosse il colore originale nessuno lo sa veramente.

Tuttavia, quest’ultimo colore può essere visto in un catalogo francese, quindi è possibile che questo ultimo colore sia corretto.

Tra il ’39-’47 non si sa nulla dell’auto forse rubata durante la guerra o utilizzata da un esercito.

Quando Marc ha trasferito l’auto dalla Danimarca ai Paesi Bassi, ha scoperto che mancava il copriruota di scorta.

 Per fortuna il precedente proprietario, pensava di averlo ancora e l’avrebbe portato con sé quando sarebbe andato a trovare suo figlio che viveva nelle Ardenne e avrebbe potuto ritirarlo lì.

Marc fu sorpreso di vedere che era dipinta di verde militare e forse anche tutta l’auto era stata dipinta di verde militare.

 Chissà cosa gli è successo durante il periodo bellico?

Successivamente, Marc ha provato ad avviare il motore con la chiave sul cruscotto.

Solo per scoprire che c’era un altro interruttore nascosto sotto il cruscotto e si avviava solo girando la chiave e accendendo l’interruttore.

Quindi, il V4 prende vita.

La capote aveva bisogno di essere riparato e un altro collezionista di Lancia nel sud della Francia conosceva un indirizzo a Carcassonne dove si poteva montarne uno nuovo a un prezzo molto ragionevole.

Quindi via a Carcassonne attraverso la strada nazionale

Questa macchina è affidabile.

 

Storia dell’auto

Tra il 1947 e il 1949, la signora Sonja Norre importò (in Danimarca) tra le altre automobili, un’Aprilia cabriolet che aveva acquistato a Monaco.

Ha tenuto l’auto per un certo numero di anni dopo essersi trasferita in Danimarca nel 1949. Durante quel periodo l’auto era grigio topo con rivestimenti in pelle blu.

Verso la metà del 1950 l’auto fu cambiata in crema e nera e il proprietario era Niels Barlyng.

Niels Barlyng era un incorreggibile appassionato di Lancia e l’auto fu scambiata tra diversi membri della famiglia.

 La sorella di sua moglie e suo marito sono andati in ltalia con l’auto e lì hanno fatto riparare gratuitamente lo sterzo in fabbrica.

Barlyng racconta che il motore funzionava bene ma non c’era quasi pavimento nell’auto.

Alla fine ha venduto l’auto al figlio dell’artista Borge Birch.

Il pagamento consisteva in tre dipinti di Eigill Jacobsen, Barlyng in seguito li vendette per 20.000 corone.

L’auto è stata ulteriormente venduta ad Arne Hugo Buch e poi finalmente è arrivata a Kolind dove è stata acquistata e rinnovata da Hans Jorgensen. L’auto ora è beige e marrone.

Suo figlio, Kurt Dyrbye Jorgensen, ha guidato l’auto per circa un anno, quando è stata poi venduta a un concessionario di automobili ad Arhus.

Kaj Kjeldsen lo acquistò nel 1962.

Kjeldsen ha riportato a nuovo la vettura e ora l’Aprilia è tornata al suo colore grigio.

Nel 1965 sua figlia Lis e il fidanzato Cari Chr. Hansen ha ricevuto l’auto come regalo di nozze e l’hanno tenuta per 12 anni.

Eigil Sahl Rasmussen acquistò l’auto nel 1977 e la vendette due anni dopo a Jorgen Hansen e decise di tenerla per molto tempo.

A quel punto i parafanghi sono stati verniciati di azzurro ma l’intenzione è che l’auto venga riverniciata, possibilmente in marrone.

Infine è stato dipinto nell’attuale combinazione.

Il socio di Jorgen Hansen si ammalò e questo lo costrinse a vendere l’auto nel 2002 quando poi l’abbiamo acquistata.

 

Prezzo : €76.800
Categoria : Lancia
Località : Brescia
Anno : 1939
Carrozzeria : Cabriolet
Colore : blu
Cilindrata : 1350
Alimentazione : Benzina
Cambio : Manuale
Vendo / Compro : Vendo
Annunci correlati